piccolo spazio pubblicità

Come antidoto potentissimo alla realtà parallela, completamente inesistente e autoreferenziale della “musica italiana” che in questi giorni scorre al Festival di Sanremo – madonna che spazzatura ragazzi, ieri sera mentre un sugo pronto al pesto mi salvava da cena a ore tarde e frigo sottovuoto, guardavo imbarazzato  Raiuno, il  punto è che ero imbarazzato sebbene fossi da solo a guardare la tivù, la cosa è seria quindi -, come antidoto a tutto ciò, dicevo, sabato sera ci si va tutti a distruggere al concerto de Il teatro degli orrori, motivo per cui rimetterò anche piede al Centro Sociale Rivolta di Marghera dopo una decina d’anni.

Accorrete numerosi. E comunque ascoltateli, che sono favolosi. Due gli album finora: Dell’impero delle tenebre e A sangue freddo.

15 Risposte

  1. Accidenti! Al Rivolta! Anche per me saranno dieci anni che non ci vado. (l’ultima volta il cane di Casarini girava tra i tavoli, ha alzato la zampetta e mi ha pisciato sulla borsa…:)))). però quasi quasi una rentré..

  2. Andate, andate, Il teatro merita, mi diverto sempre a sentirli.

  3. @elena: se vedi una giacca di pelle verde bottiglia anni 70 muoversi a caso, quello sono io in tenuta da battaglia.

    @alligatore: non conosco la scena musicale italiana come la conosci te, ma secondo me Il teatro degli orrori musicalmente (e pure testualmente) in Italia sono un evento come non se ne vedeva da almeno 15 anni.

  4. Concordo con te, sono uncici, forti, quello che ci serviva. Visti al Bruno di Trento la scorsa estate. Ora saranno con la nuova formazione, credo. Buon concerto. Aspetto tue emozioni.

  5. Allora, il concerto è stato “silenzioso come il tuono”, per dirla con il Majakovskij della canzone omonima. Chi li aveva già visti ha apprezzato meglio spettacoli precedenti e nella formazione precedente, ma io era la prima volta che li vedevo dal vivo e soprattutto alcuni pezzi mi hanno portato via (tipo La vita è breve, La canzone di Tom, Il turbamento della solitudine gelosia, A sangue freddo, È colpa mia, ed altri ancora). Comunque, Pierpaolo Capovilla ha come il solito bevuto l’impossibile prima durante e (sicuramente) dopo il concerto, ha passato mezzo concerto surfando sulle teste degli spettatori, e credo si sia rotto anche un dito della mano cadendo quando a un certo punto gli spettatori non l’hanno più retto. Tutto normale insomma.

  6. “Il turbamento della solitudine”? Il titolo non è “Il turbamento della gelosia”?😉
    Sono davvero bravi.

  7. Uh, è vero, la cosa ha una spiegazione: il verso precedente fa “è il lato oscuro della solitudine” e mentre scrivevo pensavo proprio a quanto ricorre la parola scambiata nei loro testi.

  8. Caballero, no entendí bien: ¿Dice que usted cantó en Sanremo un tema de Johnny Cash?

    creo que debería aprender italiano para leer su blog.
    Completamente lost in translation (perdidita perdida)

    • vamos, que no me entero.

      • Eso, sí, pero me eliminaron enseguida, los verdaderos artistas siempre van por el mundo incomprendidos y huraños.

  9. accidenti, non sono venuta. Eppure ci tenevo tanto a vedere la tua giacca di pelle verde bottiglia anni 70..:))

  10. Dubbi, grossi dubbi… sull’improbabile giacca, e la traduzione dei tre commenti in spagnolo.

  11. La nuova formazione probabilmente è ancora in rodaggio, Favero è difficilmente sostituibile (tecnicamente un mostro, dirige con il solo sguardo e sembra sempre molto sobrio), ma i nuovi sono in gamba. Manzan è un nome storico del sottosuolo italico e ieri sera (mio piccolo spazio pubblicità) ho avuto ospiti sul mio blog i Captain Mantell, di Tommaso Mantelli, che è pure il nuovo basso del Teatro. Almeno per le prossime date. Capovilla vola come sempre sul pubblico. Deve avere una preparazione atletica non da poco. Lo invidio.

  12. suggerimento accolto.

  13. una canzone molto bella!
    grazie di avermeli fatti conoscere🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: