miss, mia cara miss (plastic passion)

No, che ci volete fare, ci sono cose che inevitabilmente ti raddrizzano la giornata se ce l’hai storta o pericolante. A Rimini si è svolto il concorso di bellezza dedicato alle miss rifatte chirurgicamente e, new entry di quest’anno, c’è anche la categoria di, papparappaaaa, Miss Vaginoplastica! Non riesco a scriverlo, leggerlo o dirlo senza ridere. Eccola qua, Miss Vaginoplastica, si chiama Marcella Moreno ed ha sbaragliato le altre concorrenti in un serrato confronto. A proposito: ma per essere giudicate, come sfilano le aspiranti al titolo di Miss Vaginoplastica? Sarei curioso.

Seconda classificata, per un pel la Travel Pussy:

Advertisements

9 Risposte

  1. Cerca di scoprire pure come si diventa giurati, che il prossimo anno ci prenotiamo … sono stufo di ascoltare musica, anche l’occhio vuole la sua parte.
    p.s.
    come si dice?, una volta toccato il fondo si può cominciare a risalire. Dai, un piccolo sforzo e ci siamo.

    • Una volta toccato il fondo si può anche cominciare a scavare, che mi sembra la regola.

  2. TRAVEL PUSSY: “Coñito de viaje”… nunca sabes qué vas a necesitar de vacaciones, no?

    • Subestimas las oportunidades del artículo: no sólo de vacaciones puede ser útil, sino también durante los aburridos viajes de trabajo, incluso yo diría que es imprescindible para cualquier viaje, un objeto que no puede faltar en el bolso del hombre moderno junto al blackberry y el ipod. De varios colores – que no se enfaden las ongs antiracistas -, no se queja nunca, no te da la lata y no tienes que acompañarla de compras.

      • No me queda más remedio que comprar una por e-Bay. Si hacen descuento te mando una, ché.

  3. No me va a quedar más remedio que comprarme una por e-Bay. Oye, si me hacen descuento te compro a ti otra, ché.

    • vaya, aparezco por duplicado, como las recetas (sorry)

  4. La cosa migliore è la didascalia sotto la seconda foto: “indistinguibile da una reale”. :-DDDD
    Secondo me la travel pussy assomiglia un casino a quei bracciali che si mettono ai bambini per nuotare. Probabile che l’abbia inventata un tedesco in transito sulle spiagge di Jesolo.

    • Anch’io quando ho letto “indistinguibile da una reale” sono cappottato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: