breve e inutile appunto sull’euro e sulla grandissima fregatura che ci hanno tirato (e consigli per gli acquisti)

Un bell’articolo di Claudio Magris, inserito nel suo  altrettanto bello Alfabeti, mi ha fatto riprendere un momento in mano Assalonne, Assalonne! di William Faulkner. Non voglio ora parlare di questo romanzo, né posso, come si fa a fare un post di qualche riga su Assalonne, Assalonne!? Non si può. L’unica cosa che dico è che quando girai l’ultima pagina e chiusi il libro, sentii uno strano rumore, come uno scivolìo, e poi un tonfo: con un movimento automatico, tutto ciò che avevo letto fino ad allora scalò qualche gradino più in basso. Da allora, ci sono ottimi romanzi, anche grandissimi romanzi, e poi c’è William Faulkner. Oggi invece l’occhio mi va sul risvolto della quarta di copertina, dove c’è il prezzo, che è ancora segnato con l’equivalenza tra lire ed euro: 36.000 lire, un bel costo già allora per un romanzo, cioè 18,59 euri. Il libro l’ho comprato l’8 aprile 2004, segno sempre data e luogo. Mi viene la curiosità di vedere in rete il prezzo di copertina di adesso: 28 euri. Vi risparmio il turpiloquio. Però, magari se lo trovate scontato, compratelo.

Aggiornamento: per chi avesse intenzione di leggerlo, fornisco l’albero genealogico del protagonista, Thomas Sutpen, che ai tempi mi ero divertito a costruire, anche per capirci meglio qualcosa. Lavoriamo per voi.

16 Risposte

  1. Ogni tanto nei commenti che vengono lasciati su ibs.it c’è qualcosa di carino. Uno ha scritto questa frase che condivido appieno: “Se io fossi uno scrittore non vorrei mai che un mio libro venisse letto da qualcuno che ha appena finito Assalonne.”

  2. Il commento è in effetti di fulminante concisione ed efficacia.
    Ouf… posso dire che la nuova veste non mi piace? La nuova veste non mi piace. Ecco… l’ho detto.

    • A dire il vero non so neanch’io se mi piace, lo tengo in prova per il momento.

  3. Tanto per confonderti ulteriormente le idee, in realtà mi ci sto abituando, anche se mi resta un po’ fastidioso il pallore dei caratteri.

  4. Anche a me piaceva di più il vestito di prima s|a! o comunque non questo. L’è smortino.

  5. A grande richiesta (siu + elena), si torna al vecchio aspetto del blog, con qualche leggero ritocco, ma non ci è voluto molto a convincermi, piace di più anche a me questo tema.

  6. Grazie, s|a; ho strabuzzato per un istante gli occhi quasi in preda ad una vertigine da onnipotenza (funzionasse sempre… “scusi sa, cavaliere, il suo governo non mi piace mica tanto, potrebbe per favore levarsi di torno?”)

    • Uhmm, interessante, magari sei nella tua settimana da dio, tipo il film con Jim Carrey, oggi il governo è andato sotto tre volte, sarai stata mica tu?

  7. A me non dispiaceva, devo dire. Forse mi piaceva, anzi, l’idea che ogni tanto cambiasse il tema, così a sorpresa, a seconda dei ghiribizzi dello s|a (stato d’animo).
    Io “Assalonne, Assalonne!” non l’ho mai letto, dunque accolgo volentieri il suggerimento, così ispirato, ringrazio e preparo la mia bella tesserina della biblioteca, che tanta gioia mi dà contro il logorio della vita editoriale moderna.

    • Comandano le donne. Non è male quel tema (“grunge qualcosa” si chiama, che poi in una vita precedente ero anch’io “grunge qualcosa” e mi vanto sempre al bar di aver visto i Nirvana in concerto), ma era un po’ troppo grigio e per quello basta il cielo di questi giorni. Quindi un po’ di azzurro.
      Mi fa piacere di averti incuriosito con il capolavoro faulkneriano. Molti lo mollano dopo le prime pagine o forse righe. Se lo leggi ne riparliamo. Io mi ero anche costruito un albero genealogico di Thomas Sutpen, il protagonista, nel caso tu decida di affrontare il testo capirai perché, se trovo uno scanner te lo mando.

  8. Accidenti! Ogni nostro desiderio è un ordine!🙂

    (…dì un po’ Siu, cosa altro gli possiamo chiedere all’ s|a qui?…)

  9. Mumble mumble, Elena… la cosa che subito mi viene in mente è che s|a scriva qui un po’ più spesso; ma non ha niente a che vedere con un “ordine”, è piuttosto un affettuoso (e voglioso…) auspicio ed incoraggiamento. Altrimenti dicasi esemplificazione di come le donne, in nome della correttezza e del rispetto, abdicano subito dal potere anche quelle poche volte che glielo danno. Va be’, non tutte, anche questo va detto…
    Fine del pistolotto.

  10. Ma qui si cambia e non si dice nulla ai vecchi amici… solo alle donne… hmm! Comunque bello l’aspetto e significativa la frase trovata su ibs.it. Chiapperi, deve essere un gran bel libro.

    • Ciao Alligatore, mah, volevo chiudere il blog, poi ho detto ma sì, diamo una verniciata e continuiamo un altro po’.

      • Aggiornamento: a quanto pare questo tema che a me piace così tanto perché semplice, verrà ritirato da wordpress, non so bene per che motivo. Sicché fra qualche giorno mi toccherà cambiare comunque l’aspetto del blog, malgré moi.

  11. Ennesimo (mio) OT: io quest’uomo lo amo già così*, se poi fossi in grado di capire esattamente ciò che dice…😉

    http://malvinodue.blogspot.com/2010/11/blog-post_15.html

    *in realtà da quando come equivalente spagnolo di La Russa ha nominato una donna. Incinta!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: