il cinema secondo Scorsese

Qualche giorno fa, mentre cercavo un libro sulla storia del cinema classico americano, mi sono invece  imbattuto in A Personal Journey with Martin Scorsese Through American Movies, documentario del British Film Institute del 1995. Complice il fine settimana da diluvio universale, sabato ho deciso di affrontarne la visione, che immaginavo sarebbe stata impegnativa, perché il video è in inglese e senza sottotitoli e dura tre ore e tre quarti. Avevo anche una notevole aspettativa, perché Scorsese non è solo uno dei più importanti registi viventi, ma pure un grande storico del cinema. Dire che la mia aspettativa non è andata delusa è dire molto ma molto poco, perché il video è assolutamente meraviglioso. Ho passato tutto il sabato pomeriggio e sera, e la domenica pomeriggio e sera attaccato allo schermo, perché la durata del documentario si è dilatata a dismisura a causa degli otto fogli di appunti che ho preso. Avrò film da vedere per i prossimi dieci anni. Martin Scorsese, seduto e guardando in camera, racconta la sua personale formazione come spettatore e regista, e mostrando e commentando decine di sequenze, fa la storia  del cinema americano dal “primo grande maestro”, David W. Griffith, alla fine degli anni sessanta. Qui si interrompe, cioè quando comincia lui stesso a girare, per evitare di parlare di sé e dei suoi compagni di generazione. Il più recente film citato è Barry Lyndon di Kubrick, del 1975. Nel mezzo, sono veramente tanti i film e i registi menzionati. Il documentario è diviso in tre parti, ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in vari capitoli: si inizia con The Director Dilemma, la ricerca dell’equilibrio tra l’espressione personale e le necessità dello studio system hollywoodiano. Si continua poi con The Director as Storyteller, attraverso tre generi: il western, il gangster film e il musical. Seguono poi The Director as Illusionist; The Director as Smuggler; The Director as Iconoclast. Se vi piace il cinema, vi consiglio proprio di avere questo titolo nella vostra videoteca.

2 Risposte

  1. Mi piace molto il primo Scorsese, l’ultimo un po’ meno, però è un grande malato di cinema, vero, come i grandi del passato.

    • Concordo. In questo video è commovente, a volte, nel raccontare film e registi che ha amato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: